burrata pugliese

Burrata Pugliese

Disponibilità: Disponibile

Sintesi di un equilibrio perfetto fra la dolcezza della panna, la rotondità del burro e la sapidità degli straccetti di pasta filata con cui viene amalgamato il tutto. Produciamo solo prodotto fresco di panna artigianale locale.

Annulla selezione

Sintesi di un equilibrio perfetto fra la dolcezza della panna, la rotondità del burro e la sapidità degli straccetti di pasta filata con cui viene amalgamato il tutto…
Con l’ovvia esclusione degli intolleranti ai latticini, non è possibile resisterle: mette di buon umore solo a guardarla!
D’altronde se la classica mozzarella nostrana ha una consistenza croccante e piacevolmente succulenta, Lei rivela… quasi a sorpresa… un cuore di panna stracciata capace di sedurre tutti i nostri sensi…
L’unica soluzione è arrendersi! Gustandola piacevolmente in compagnia…

Eppure molti sostengono che andrebbe eletta “regina del riciclo gastronomico”… In effetti, come molti altri golosi compagni di tavola, è figlia di un’epoca, refrattaria allo spreco e avvezza al riutilizzo di ogni avanzo di produzione. Di necessità… Virtù! È così che si pensò di mescolare insieme i residui della lavorazione della pasta filata con della panna ed avvolgere il tutto in un involucro fatto anch’esso di pasta filata… Un’ invenzione a dir poco strepitosa, datata 1930 e originaria della Terra di Bari, nel territorio di Andria, oggi gelosamente custodita dai casari di tutte le Murge che l’hanno rapidamente trasformata in vero e proprio Oggetto… (Ops!) Latticino Cult!

All’aspetto si presenta a forma di sacchetto con una piccola testa, la superficie è lucida, liscia e soda, di colore bianco avorio. E’ composta da un sottile involucro spesso 1-2 mm, di pasta filata simile a quella della mozzarella. Al taglio la panna interna fuoriesce insieme con i frammenti di pasta sfilacciata liberando profumi di panna e di latteria; il sapore è pieno, ma delicato, leggermente burroso, talvolta con venature acidule.

UNA LAVORAZIONE ARTIGIANALE…

Lo schema tecnologico ricalca quello adottato per la mozzarella ad eccezione della fase di filatura e ovviamente di farcitura. Ogni fase della lavorazione è totalmente manuale, partendo da latte vaccino filtrato, pastorizzato e acidificato mediante siero-innesto naturale, ottenuto lasciando acidificare a temperatura ambiente parte della produzione del giorno prima.

Riscaldando il latte a 35-36 °C, con l’aggiunta di caglio di vitello, la coagulazione avviene in 20-30 minuti. Si procede quindi alla rottura della cagliata con spino di legno o d’acciaio, fino a ottenere granuli di piccole dimensioni. Una volta sedimentata, la cagliata viene estratta e messa a maturare a temperatura ambiente per 2-4 ore su piani d’acciaio. Successivamente la pasta viene filata in acqua leggermente salata alla temperatura di 85-90 °C, modellata come una sfera, al cui interno si inseriscono gli sfilacci di pasta uniti alla panna d’affioramento del latte. Sigillata all’apice, viene passata in acqua fredda per circa 20-30 minuti, a seconda della pezzatura.

IL RIPIENO PERFETTO…

All’aspetto si presenta a forma di sacchetto con una piccola testa, la superficie è lucida, liscia e soda, di colore bianco avorio. La «stracciatella» è formata da straccetti di pasta filata immersi in una panna densa. L’odore è dominato dalle note di panna fresca e di burro delicato.

Top